Inizio pagina Salta ai contenuti

Consorzio Bim Piave

Comuni della Provincia di Belluno


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Marzo  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
             

News

Errore caricamento immagine.

01.08.2011 - ICI sugli impianti idroelettrici


Enel e Consorzio BIM Piave siglano un accordo per la stima delle nuove rendite catastali

E’ questo il risultato dell’accordo, siglato questa mattina alla centrale Enel di Soverzene, che consente di assicurare al territorio bellunese un contributo di fondamentale importanza per gli Enti interessati.

La firma sull’accordo è stata posta da Francesco Bernardi, responsabile Enel - Unità di Business di Vittorio Veneto, e da Giovanni Piccoli, Presidente del BIM Piave. Erano presenti alla cerimonia anche Roberto Renon, Responsabile ENEL Divisione GEM - Area Generazione, Giampaolo Bottacin, Presidente della Provincia di Belluno nonché Sindaci e rappresentanti delle Amministrazioni comunali interessate.

Enel e BIM Piave, quest’ultimo su mandato dei Comuni consorziati, hanno avviato da tempo un tavolo congiunto con l’Agenzia del Territorio – Ufficio Provinciale di Belluno, allo scopo di definire un percorso condiviso per la rideterminazione delle nuove rendite catastali degli impianti idroelettrici, ai sensi delle ultime disposizioni normative in materia.

Il fattivo lavoro avviato in questi mesi ha permesso di rideterminare la rendita delle due centrali Enel di Sospirolo e La Stanga.

Con la sottoscrizione del presente accordo, che prevede il versamento di una quota di ICI stimata sulla base dei medesimi criteri di valutazione utilizzati per tali impianti, vengono estesi a tutti i Comuni interessati i benefici delle rendite ancora in fase di rideterminazione.
Il valore complessivo del versamento è di circa 3.800.000 euro, relativamente al periodo pregresso e all’annualità in corso.

L’accordo riguarda le centrali di Arsiè, Cavilla, Malga Ciapela 1 e 2, Saviner, Agordo, Cencenighe, Forno di Zoldo, Gardona, La Guarda, La Stanga, Pelos e Sospirolo.

Sono 28 i Comuni interessati dagli impianti e che beneficeranno del versamento ICI. Si tratta di Agordo, Alleghe, Arsiè, Auronzo di Cadore, Canale d’Agordo, Castellavazzo, Cencenighe, Cesiomaggiore, Fonzaso, Forno di Zoldo, La Valle Agordina, Lamon, Longarone, Ospitale di Cadore, Perarolo, Pieve di Cadore, Pieve d’Alpago, Ponte nelle Alpi, Puos d’Alpago, Rocca Pietore, San Tommaso Agordino, Sedico, Sospirolo, Taibon Agordino, Vallada Agordina, Valle di Cadore, Vigo di Cadore e Zoldo Alto.

“Ringrazio Enel ed Agenzia del Territorio per la disponibilità a sedersi attorno ad un tavolo permettendo di raggiungere il risultato odierno - ha dichiarato Giovanni Piccoli, Presidente del Consorzio BIM Piave. A questo dovrà seguire la definitiva rideterminazione della rendita catastale che permetterà il completamento del percorso intrapreso.
Da subito - continua Giovanni Piccoli - riprenderemo il lavoro relativamente alla rendita degli impianti di altri concessionari idroelettrici (circa 15%) e che interessano un’altra decina di Comuni. Su quest’ultima operazione chiedo fin d’ora la collaborazione dell’Amministrazione Provinciale, poiché i risultati importanti si ottengano lavorando assieme, come dimostra questa operazione, passo importante per testare la capacità dei bellunesi nel lavoro di squadra”.

Allegati

Data ultimo aggiornamento: 28/10/2011
Via Masi Simonetti, 20 - 32100 Belluno
Codice Fiscale: 80000330250
segreteria@consorziobimpiave.bl.it PEC: segreteria@cert.consorziobimpiave.it