Inizio pagina Salta ai contenuti

Consorzio Bim Piave

Comuni della Provincia di Belluno


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Agosto  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
             

News

Errore caricamento immagine.

Dall'Ici sulle centrali altri 750 mila euro


Accordo tra Consorzio Bim Piave ed Enel Green Power

Il Consorzio Bim Piave porta a casa la seconda tranche della quota Ici a favore di quei Comuni che ospitano, nel proprio territorio, centrali o impianti idroelettrici correlati. Dopo un primo accredito di 3,8 milioni di euro avvenuto ad agosto, l’accordo di ieri con Enel Green Power prevede il versamento di 750 mila euro che poi, a cascata, verranno suddivisi tra una quindicina di enti pubblici che, in questo periodo di "magra", accoglieranno di certo la notizia con gioia.

 

Concetto manifestato apertamente dal sindaco di Falcade Stefano Murer: «Ogni euro in più che in questo periodo entra nelle casse comunali - afferma - è una manna dal cielo. Soldi di cui abbiamo giusto bisogno per acquistare gli arredi della ristrutturata scuola di Marmolada». Il territorio di Falcade ospita il lago del Cavia, un bacino di 1,2 milioni di metri cubi d’acqua che scarica nelle centrali di Zingari Bassi e Molino.

 

Consistente è anche la produzione elettrica della centrale di Quero, le cui condotte sono ben visibili da Fener. «Grazie a quest’accordo - spiega il primo cittadino di Quero Sante Curto - incamereremo circa 35 mila euro annui (oltre i 150 mila di arretrato). In questa partita credemmo subito, seguendo immediatamente il sindaco di Soverzene Alessandro Savi che fu il precursore. Un grazie va a Enel Produzione ed Enel Green Power e anche, naturalmente, all’onorevole Maurizio Paniz che ha portato avanti l’istanza a livello parlamentare e al Consorzio Bim per aver coordinato tutti i Comuni». Dello stesso parere il collega di Cortina Andrea Franceschi: «Grazie al Consorzio e al presidente Giovanni Piccoli che hanno saputo dare voce univoca a tutti i Comuni bellunesi, di certo ottimizzando tempi e risorse e portando a casa un ottimo risultato».

 

Anche il Comune di Feltre sarà uno dei beneficiari del provvedimento. «Nel nostro territorio - spiega il sindaco Gianvittore Vaccari - ricade una porzione della centrale di Arson e il canale Enel che dalla presa di Busche va verso Quero. Di certo incasseremo una cifra interessante. È una vittoria: dopo una giusta pressione gli enti locali possono far valere il principio che chi attraversa il loro territorio deve, in qualche maniera, "pagare dazio"».

dal Gazzettino di Belluno, mercoledì 30 Novembre 2011


Data ultimo aggiornamento: 01/12/2011
Via Masi Simonetti, 20 - 32100 Belluno
Codice Fiscale: 80000330250
segreteria@consorziobimpiave.bl.it PEC: segreteria@cert.consorziobimpiave.it