Inizio pagina Salta ai contenuti

Consorzio Bim Piave

Comuni della Provincia di Belluno


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Giugno  2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
             

News

Errore caricamento immagine.

Energia, il Consorzio Bim aiuta 50 Comuni

Data news: 14 nov 2011
Stanziati 2.4 milioni di euro (50 mila euro ad ente) per pannelli fotovoltaici o impianti a biomasse

Puntano sull'energia del sole o delle biomasse, sostituiranno i serramenti negli edifici pubblici per evitare inutili e costose dispersioni di calore, qualcuno cambierà la vecchia caldaia del Municipio o della scuola per ottenere una maggiore efficienza energetica. Sono 50 i comuni che hanno ottenuto dal Consorzio Bim un finanziamento per interventi per il risparmio energetico. Per tutti l'assegno è di 50mila euro (un po' meno per gli interventi che non raggiungono questa soglia), e il totale stanziato dal Bim è di quasi 2.4 milioni di euro.

Gli investimenti attivati sul territorio raggiungeranno gli 8 milioni di euro (i Comuni si sono mossi chiedendo aiuto anche ad altri enti, oppure contribuiranno in proprio per il completamento degli interventi previsti). Le iniziative sono tante (55) e vanno dalla riqualificazione energetica dell'impianto termico del municipio a Cesiomaggiore alla sostituzione dei serramenti all'asilo di Trichiana. Quasi tutti i Comuni hanno scelto di usare i soldi del Bim per sostituire gli infissi del palazzo municipale o delle scuole, per risparmiare sulla bolletta evitando le dispersione di calore. Anche i tetti saranno oggetto di intervento, sia per una sistemazione (a Danta per esempio, si lavorerà sul municipio) che come punto di installazione dei pannelli fotovoltaici per la produzione di energia: a voler sfruttare il sole sono Tai-bon, che metterà i pannelli sulla scuola dell'infanzia, Sedico che li vuole mettere su palazzo De Bertoldi, Valle di Cadore (sull'edifico polivalente lungo la ciclabile e sul tetto delle elementari), San Gregorio nelle Alpi (su pensiline a servizio del parcheggio a Paderno), SanVito (scuole elementari), Farra d'Alpago, Chies e Voltago, tutti sui tetti delle scuole.

Ambizioso il progetto di Ponte nelle Api, che con i 50 mila euro del Bim coprirà solo una piccola parte del milione e 200 mila euro dei lavori per installare pannelli fotovoltaici sulla scuola elementare e il palazzotto dello sport di Polpet, l'asilo di Piaia, gli impianti sportivi di Nuova Erto, le elementari di Paiane e i cimiteri di Col di Cugnan, Polpet e Quantin. Quero e Vas hanno richiesto il contributo per rifare la pubblica illuminazione, che in alcuni tratti ha impianti vecchi e mal funzionanti, e anche Pieve d'Alpago punta a ristrutturarne una parte, così come Alano di Piave. Fonzaso userà il contributo per una centralina idroelettrica sul Cimson (a Pedesalto), Belluno per migliorare l'efficienza energetica e impiantistica dell' illuminazione pubblica. Tutti avranno due anni di tempo per completare i lavori. La metà del contributo verrà erogato a breve, la parte rimanente a intervento concluso.


Data ultimo aggiornamento: 21/02/2012
Via Masi Simonetti, 20 - 32100 Belluno
Codice Fiscale: 80000330250
segreteria@consorziobimpiave.bl.it PEC: segreteria@cert.consorziobimpiave.it