Inizio pagina Salta ai contenuti

Consorzio Bim Piave

Comuni della Provincia di Belluno


Contenuto

Calendario

Calendario eventi
« Luglio  2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

News

Errore caricamento immagine.

#valbellunacycling


Su indicazione dei Sindaci della Vallata Bellunese Alpago Feltrino, il Consorzio BIM Piave di Belluno ha affidato all'Istituto per lo Sviluppo Regionale e il Management del Territorio di EURAC Research l’incarico di elaborare una progettualità che consenta di attuare interventi finalizzati allo sviluppo del turismo lento nella Valbelluna con specifico riferimento al ciclo-turismo, all’implementazione della qualità infrastrutturale, relazionale e del servizio.

Da qui nasce la strategia #valbellunacycling con l’obiettivo di pensare ad un riposizionamento del territorio della Valbelluna nel mercato (ciclo)turistico attuale, strategia che è stata presentata in un recente incontro svoltosi a Villa Patt di Sedico con amministratori locali e operatori del settore.
 
L´approfondita analisi di marketing effettuata sulla vallata bellunese, ha condotto all'elaborazione di una dettagliata vision di progetto, con l’obiettivo di fornire nuovi impulsi, soprattutto in termini socio-economici, ad una porzione del territorio Veneto che vive in una condizione di marginalità dal punto di vista geografico. La volontà è quella di sviluppare un nuovo brand di mercato ciclo-turistico strettamente legato all´utilizzo della bicicletta e, allo stesso tempo, capace di agglomerare al suo interno, non solo la passione per lo sport e la natura incontaminata, ma anche la curiosità e il desiderio della scoperta di luoghi, tradizioni e storie che caratterizzano la Valbelluna. Questo è #Valbellunacycling.
 
Il punto di partenza dello sviluppo di un’offerta turistica strutturata, è stato necessariamente individuato in una dettagliata analisi dell´ accessibilità del territorio. Si è pertanto evidenziato, tra le molte risultanze, come ad esempio la vicinanza degli aeroporti Antonio Canova di Treviso e Marco Polo di Venezia debba costituire un fattore essenziale per il rilancio turistico ed economico del territorio bellunese, in termini di accessibility verso i mercati esteri. Il territorio è al centro della ricerca. L’immutabilità orografica condiziona l’approccio e il posizionamento della destinazione senza tuttavia deviare dalla dimensione globale del mercato in commento. In Europa il valore del Cicloturismo è calcolato in 44 miliardi di euro. Un fenomeno, dunque, sempre meno di nicchia e che, solo in Italia, si stima avere un valore potenziale di 3,2 miliardi di euro, a tutto vantaggio dell’economia dei singoli territori e, in primis, delle strutture ricettive in grado offrire un’accoglienza ad hoc ai turisti sulle due ruote, accompagnata da proposte enogastronomiche di qualità. Un paniere entro cui vogliamo inserire con grado la vallata bellunese.
 
La rete prende forma nel momento in cui si punta a garantire collegamenti tra polarità urbane limitrofe senza ovviamente trascurare gli accessi principali. Uno dei motivi per cui, sulla base di confronti con stakeholder locali, abbiamo individuato 12 itinerari “possibili” per promuovere una vacanza sulle due ruote nella Valbelluna. A ciò è stata affiancata una dettagliata analisi infrastrutturale della rete stradale della Provincia, analizzando la rete ciclabile esistente e quella futuribile tramite un continuo dialogo con gli uffici tecnici coinvolti. Tre gli scenari creati dalla strategia che hanno permesso una visione di insieme capace di unificare una rete istituzionale e commerciale complessa ma che deve necessariamente procedere di pari passo. Si è affrontato il tema della governance strettamente legata alla gestione del prodotto. Un sistema di gestione che pertanto non è mono referenziale, ma si presta ad una gestione integrata del prodotto (ciclo)turistico. L’ottima qualità dei prodotti turistici infatti deve essere garantita attraverso la collaborazione e l’azione condivisa di diversi operatori (albergatori, ristoratori, operatori di trasporto, istituzioni, punti di attrazione e vari altri attori professionali e privati).
 
Si è analizzato il mercato della bicicletta europeo. Per comprendere le dinamiche del mercato, occorre allontanarsi per un istante dalle destinazioni turistiche e analizzare lo sviluppo del prodotto, in tutti i suoi aspetti. Facendo riferimento al concetto di travel customer journey, l’elaborazione della #valbellunacycling marketing strategy ha vissuto tre diverse fasi che hanno condotto all’individuazione di un mercato dedicato.
Il confronto e lo scambio sono stati al centro dell’esperienza. Cinque stakeholder meeting e una training session con un noto collettivo tedesco di bike experience hanno permesso la condivisione graduale dei risultati di progetto. Let’s cycle!

Data ultimo aggiornamento: 12/04/2017
Via Masi Simonetti, 20 - 32100 Belluno
Codice Fiscale: 80000330250
segreteria@consorziobimpiave.bl.it PEC: segreteria@cert.consorziobimpiave.it